11 giu

Il Crowdfunding: significato, origini e funzionamento

Qualche anno fa un mio caro cliente, ingegnere di una nota azienda automobilistica, mi telefona e mi chiede un appuntamento in studio. Molto strano, di solito i nostri incontri si svolgono a casa da lui in presenza di tutta la sua famiglia, figli compresi.


Arriva all'appuntamento insieme alla sua amata moglie, professoressa di italiano al liceo scientifico e già dalle prime battute capisco che è agitato: 

Mio figlio Luca vuole rilevare l'attività di mio padre! Dopo tutto il percorso di studi fatto fino a oggi e i sacrifici che tutti insieme abbiamo affrontato per realizzare il suo sogno di diventare biologo, ora da grande vuole fare il gelataio.

Con tutto il rispetto per il nobile lavoro del mio papà che mi ha reso quello che sono oggi, non riesco proprio a digerire questa scelta. Tuttavia io e mia moglie siamo qui perché abbiamo deciso di supportarlo, ancora una volta, per questo suo nuovo bi-sogno.

Necessitiamo di un finanziamento di 40.000,00 euro, perché Luca deve comprare dei macchinari innovativi per produrre gelato biologico, ma non vorremmo modificare la 

nostra pianificazione finanziaria.




Dopo la crisi del 2008 le banche hanno cominciato a "chiudere i rubinetti", ossia a non erogare più. Ho sentito dunque la necessità di cercare una forma alternativa a quella classica di finanziamento, mutuo, prestito, fido per continuare a essere utile e supportare le persone nella realizzazione dei loro bisogni e desideri.

Ecco dunque che ho cominciato a studiare e analizzare il crowdfunding


Il crowdfunding: significato e origini

Il crowdfunding è essenzialmente un neologismo, letteralmente "finanziamento della folla" che deriva dall'incrocio di due termini, crowd folla e funding finanziamento. Viene tradotto come finanziamento dal basso o finanziamento collettivo, tuttavia è una traduzione inesatta e fuorviante, leggendo capirai il perché. 


La prima campagna di crowdfunding pare sia stata attuata a New York quando, nel lontano 1884, per completare la restaurazione della Statua della Libertà, simbolo del paese, si chiese ai cittadini di finanziare il progetto. In meno di sei mesi furono raccolti circa 100mila dollari. 


Da quel momento il fenomeno del crowdfunding si è diffuso velocemente in tutta Europa fino ad arrivare in Italia, tanto che il nostro Paese è stato il primo a introdurre nel proprio ordinamento norme e leggi per questa pratica, già nel 2012.


Cos'è il crowdfunding?

Il crowdfunding è un processo con cui più persone (folla o crowd) conferiscono somme di denaro (funding), anche di modesta entità, per finanziare un progetto imprenditoriale o iniziative di diverso genere utilizzando siti internet ("piattaforme" o "portali") e ricevendo talvolta in cambio una ricompensa. 


Esistono 4 tipi di crowdfunding

Reward

Si basa su una donazione in soldi a fronte di una ricompensa (bene o servizio) per la persona che contribuisce.

Un esempio? Se a essere sostenuto è il progetto di produrre gelato biologico di Luca (figlio del mio cliente ingegnere), la ricompensa può essere la fornitura per un anno di gelato!

Donation

Si basa, invece, su una vera e propria donazione in denaro per sostenere la nascita di un’attività o anche di un progetto. In questo caso il donatore non ottiene alcuna ricompensa materiale dal sostegno alla causa. Questa forma di crowdfunding è molto usata dalle associazioni no profit con intenti caritatevoli e filantropici.

Lending

Detto anche “peer to peer ”, è un vero e proprio "prestito" da parte delle persone. Qual è la ricompensa? Il pagamento degli interessi sul prestito fatto. È una vera e propria richiesta di prestito personale, per questo è soggetto alla normativa sul credito e alla vigilanza da parte della Banca d'Italia.

Equity

Rappresenta il finanziamento alla costituzione del capitale sociale di un'azienda. In questo caso, il sostenitore-finanziatore acquisisce titoli partecipativi al capitale d’impresa e ne riceve gli onori e gli oneri. Di solito questa forma di finanziamento viene adottata per la nascita di Startup.


Come funziona il crowdfunding?

Il canale che permette di accedere al crowdfunding è internet, attraverso piattaforme online, che fungono sia da vetrina per idee imprenditoriali che da punto di contatto tra soggetti che vogliono investire e persone che hanno idee innovative e utili per il benessere comune, ma non i soldi per realizzarle.


La piattaforma più conosciuta è Kickstarter, lanciata nel 2009 e menzionata solo un anno dopo dal Time tra le "Migliori Invenzioni del 2010". Questa piattaforma sostiene soprattutto progetti creativi.  

Grazie a Kickstarter sono stati finanziati fumetti, videogiochi, progetti musicali, film indipendenti e persino progetti relativi al mondo dell'alimentazione. 


La più accreditata, in Italia però è Eppelaspecializzata soprattutto nel crowdfunding, cosiddetto reward-based. Su Eppela sono stati realizzati progetti di Art & Entertainment, Lifestyle & Technology e Social Innovation.  

Come funziona Eppela?

Collegandoti al sito troverai l'opzione "Crea il tuo progetto" la piattaforma ti offre una procedura gratuita per definire l'obiettivo da realizzare, con l'importo e la durata richiesti, oltre a una consulenza per presentare al meglio il progetto e stabilire le ricompense per i sostenitori. I costi di gestione (stabiliti già a priori) verranno trattenuti solo in caso di successo della raccolta fondi. Nel caso in cui entro i tempi stabiliti, solitamente 40 giorni, l'obiettivo prefissato non viene raggiunto, ai sostenitori verranno restituite le somme donate.


Cosa ho fatto per il mio cliente ingegnere e per altri, che sono arrivati dopo?

Ho cominciato a guardarmi intorno per identificare qualcuno che potesse spiegarmi le potenzialità di questa forma alternativa di finanziamento e mi sono presentata, con la faccia tosta che mi contraddistingue, da colui che per me è il massimo esperto in Italia di crowdfunding con più di 200 campagne andate a buon fine: Maurizio Imparato

Maurizio Imparato e il crowdfunding 

Maurizio mi ha donato il segreto del crowdfunding reward, spiegandomi che esso altro non è che la colletta per il Supersantos: Ricordi quando a scuola davi ciò che avevi per comprare il pallone e giocare assieme? Il pallone che è di tutti i donatori, è lo strumento per raggiungere il de-sider-io: giocare assieme.

In altre parole: 

il segreto della riuscita di una campagna di crowfunding è il de-sider-io, il bi-sogno, che spinge il singolo. Tanto più questo bisogno è condivisibile, tanto più la campagna avrà esito positivo. Perché? Perché dona felicità e ben-essere collettivo come il giocare insieme.

Ah! Negli ultimi anni il crowdfunding immobiliare si è fortemente diffuso 

Ti ho incuriosito e vuoi saperne di più? Contattami in privato.


#umanizzatricedellafinanza

#semplicecomemagia


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE